Beviamo una tazza di tè?!

No, mi diresti tu, noi preferiamo una tazza di caffè! capisco, ma lo sai che non è stato sempre così.

Il caffè fece la sua comparsa a Venezia intorno al 1570. Il merito di averlo introdotto in Italia spetta al padovano Prospero Alpino, noto botanico e medico, che ne portò alcuni sacchi dall’Oriente.
I Veneziani, quindi, per primi impararono a gustare la bevanda. In quel periodo di grandi scoperte, successo uguale anche con il tè. Grazie alla curiosità di gesuiti che sono statti mandati dal Vaticano in Asia. Giovanni Botero (1544-1617) un presbitero, scrittore e filosofo italiano, fu tra i primi occidentali a menzionare in una delle sue opere l’uso del tè da parte dei cinesi. In Italia per primi hanno conosciuto il gusto del tè di nuovo Veneziani e Napoletani.


È il tè, rigorosamente verde, la bevanda regina dell’estate ma anche nel periodo freddo. Tonico, dissetante, bevuto caldo, freddo o anche tiepido, grazie a varie preziose sostanze, aiuta a contrastare alcune fra le patologie più diffuse: dalle malattie cardiovascolari ad alcuni tumori, fino all’invecchiamento della pelle. La composizione del tè verde è estremamente ricca. Ci sono fino a 500 minerali utili e circa 450  di composti organici. Una composizione vitaminica non ha alcuna concorrenza - nel tè verde è rappresentata quasi per intero. Tuttavia, le sostanze più famose che hanno portato tanta popolarità al tè verde, sono un gruppo di antiossidanti e alcaloidi

Come forse hai sentito, il tè verde ha anche un effetto diuretico e termogenico. Quando si prepara una tazza di tè verde, il suo aroma dipenderà dal processo di preparazione. Tutto dipende dalla temperatura e dalla quantità d'acqua che usiamo. Gli amanti del tè sostengono che la bevanda perfetta deve avere un aroma ricco e un gusto un po' amaro.  Dipende Il gusto anche dalla dimensione delle foglie, il tipo e periodo di raccolta del tè, e molti altri fattori. Sapevi che grazie al fatto che le foglie del tè verde non sono ossidate, come, ad esempio, nella situazione con il tè nero, ma semplicemente essiccate, tutte le sostanze nutritive rimangono praticamente intatte.

Per la preparazione del tè verde l'acqua viene riscaldata a 60 ° C - 85 ° C, il tè viene lasciato in acqua per 1-3 minuti. Se l'acqua è troppo calda o le foglie del tè fermentano a lungo, il tè potrebbe diventare troppo amaro e il contenuto di caffeina aumenterà. L' acqua a temperatura più bassa, minimizza l'effetto benefico della bevanda perché impedisce la decomposizione di elementi utili, come l'acido gallico …


Se si vuole massimizzare il contenuto di antiossidanti del tè, bisogna lasciarlo in infusione circa due ore in acqua fredda, In questo modo, potrai approfittare di tutti i vantaggi di questo dono naturale e goderti una bevanda rinfrescante.

Allora beviamo una tazza di tè verde!!!!

Ti auguriamo tanta salute e benessere.

A presto.

Recapiti per prenotare la valutazione corporea:

 Cell.3883967375   e-mail: valentyna.shch@gmail.com

Cell.3473116091   e-mail: dima27u@live.it

Cell.3665393986   e-mail: angelini.963@alice.it



Leave a comment

Please note, comments must be approved before they are published